Home » Allerta LIDL ritira prodotto, perché contiene pezzi di metallo, non lo mangiare!

Allerta LIDL ritira prodotto, perché contiene pezzi di metallo, non lo mangiare!

Una nuova allerta sul mercato del settore alimentare. Stavolta ad esserne coinvolto è un prodotto venduto nei supermercati della catena Lidl, la quale ha provveduto al suo ritiro. Ma possono esserci confezioni vendute ancora in circolazione, ecco come comportarsi.

Il prodotto in questione contiene purtroppo pezzi di metallo e si rivela perciò altamente tossico per l’organismo. Può portare a conseguenze davvero molto gravi, e può essere causa di mortalità. Ecco perché non ci si dovrebbe azzardare a mangiarlo se si è in possesso di una confezione.

allerta alimentare
Allerta LIDL ritira prodotto, perché contiene pezzi di metallo, non lo mangiare!

Il problema ulteriore deriva dal fatto che si tratta di una tipologia di spuntino molto gettonata fra i consumatori, e non è semplicissimo ritirare tutti i quantitativi già diffusi, se non con la collaborazione dei consumatori medesimi. Il Ministero della salute, l’organo preposto al monitoraggio costante delle derrate alimentari in vendita, ha segnalato attraverso una nota l’incompatibilità sanitaria del prodotto.

Lidl ha provveduto comunque a ritirarlo da subito, appena ne è stata portata a conoscenza. Ma ciò potrebbe non essere sufficiente per causa delle ragioni già esposte. Dunque scatta l’allerta, con tutto ciò che ne consegue.

Il prodotto e l’allerta subentrata

Il prodotto richiamato, a marchio Sol&Mar e distribuito dalla Lidl – newssalute.it

E’ dello scorso 18 ottobre l’allerta. In base all’ispezione compiuta dal Ministero, il prodotto in questione può, per come è stato confezionato, non essere esente da pezzi metallici. Si tratterebbe pertanto, nello specifico, di un rischio fisico. Si tratta del prodotto, a marchio Sol&Mar e venduto in Italia in esclusiva da Lidl, consistente in mandorle fritte con zucchero, miele, e sale.

La produzione giunge dalla Spagna e il ritiro dagli scaffali, in attesa di accertamenti ulteriori necessari, è per ora avvenuto giusto in via precauzionale. E’ importantissima comunque, la collaborazione da parte dell’utente, per come accennato. Non si provi pertanto a consumare ugualmente il prodotto. Piuttosto si riporti indietro al punto vendita per ottenerne il rimborso.

Se si desidera, oltretutto, si può anche ottenere la sostituzione con un’altra confezione. Il prodotto continua infatti ad essere venduto, poiché non tutti i lotti ricevuto da ultimo hanno un vizio riscontrato, ma tre di questi. Le confezioni ritirate nei vari supermercati, sono state opportunamente sostituite in presenza di disponibilità.