Home » Dimagrimento veloce, dopo non puoi tornare più indietro

Dimagrimento veloce, dopo non puoi tornare più indietro

E’ molto di moda, per chi si appresta a tenere propositi di dimagrimento, informarsi su una dieta veloce. Ma in seguito alla stessa non si torna indietro! Troppe le criticità di una dieta simile, ed è meglio non prendere la cosa alla leggera. Vediamo, pertanto, quali sono i consigli e le avvertenze da rispettare. 

I consigli di una dieta veloce arrivano spesso da riviste che piazzano la notizia in copertina, ma anche da siti internet (il web ne è pieno) e da pseudo-guru dell’alimentazione. Si pubblicizzano così diete varie, ma dal dimagrimento rapido sicuro e certo. Molto spesso, queste stesse diete vengono rese note con delle promesse che poi non vengono mantenute, e non si tratta neppure, al riguardo, dei casi più gravi. Gli stessi, infatti, sono rinvenibili laddove le diete rapide funzionino ma con effetti per niente graditi, ed anzi molto sgradevoli, oltre che pericolosi.

Dimagrimento veloce, dopo non puoi tornare più indietro

Sull’ultimo punto si pensi che una dieta “fai da te” che non tiene conto delle peculiari caratteristiche fisiche del paziente è pericolosa. Una dieta rapida, che di per sé produce numerosi scompensi, è ancora peggio. Che cosa  si intende per “dopo il dopo“? E’ la particolare fase che attiene alla fase successiva, quella che segue il breve periodo di assestamento generato dalla dieta stessa. Precisiamo da subito che la via di una dieta veloce è percorribile, e in alcuni casi addirittura consigliata.

Ma ciò non può mai avvenire per via autonoma. La dieta fai da te, specialmente quella rapida, non tiene infatti conto delle condizioni del paziente, delle sue analisi cliniche e i valori in esse riportati. Si tratta di dati che possono cambiare tutto. Nella gran parte dei casi, infatti, se queste diete sono molto richieste, è anche vero che sono sconsigliate, quantomeno in larga parte. E stiamo parlando di diete “lecite” che un dietologo può consigliare a determinati pazienti. Vi sono poi altre diete veloci da non seguire assolutamente, poiché comportano scompensi immediati a cui il soggetto non può andare incontro.

 

La dieta veloce e la fase del “dopo il dopo”

Una dieta equilibrata e graduale, supervisionata da uno specialista, è l’ideale – newssalute.it

A parte determinati slogan che circolano e che indicano di mangiare tutto ciò che si desidera, senza rinunce, e perdere quei diversi kg a settimana, vi sono altresì ulteriori casi. Altrettanto da evitare. Uno di questi casi è l’eliminazione autonoma di pane e pasta, senza consiglio né supervisione medica. Vi è un effetto fisarmonica, detto anche “effetto yo-yo” che porta ad un rapido calo di peso prima, una breve fase di assestamento, seguita da un’altrettanto rapida accumulazione di grasso, per via degli scompensi d’insulina creati nell’organismo.

Altro caso è quello della dieta quasi esclusivamente proteica, a cui si sottopongono in certi casi gli sportivi, ma con calo delle prestazioni e perdita di massa muscolare (nonostante le molte proteine che di per sé la favorirebbero). Effetto che si realizza proprio per via degli scompensi rispetto ad altre sostanze che l’organismo richiede.