Home » Cancro tra i giovani è allarme, come ridurlo cambiando abitudini

Cancro tra i giovani è allarme, come ridurlo cambiando abitudini

Gli ultimi studi parlano di un aumento dei casi di cancro tra soggetti più giovani. Come ridurre il rischio cambiando abitudini.

Medico al lavoro - Fonte AdobeStock
Medico al lavoro – Fonte AdobeStock

Un recente studio, in cui sono stati analizzati dati sull’incidenza del cancro nella popolazione più giovane, ha scoperto che la soglia d’età in cui si manifestano le neoplasie si è ridotta negli ultimi anni.

In breve, negli Stati Uniti, sono stati comparati i dati tra il 1973 e il 2015 ed è stato confermato che sono aumentati del 30% i casi di tumore tra gli adolescenti e i giovani adulti (tra i 15 e i 39 anni)- una conferma rispetto ad un simile studio condotto poco prima anche in Europa che aveva già riscontrato questo fenomeno.

Queste informazioni sono utilissime sia per capire in futuro quale sarà il carico sul sistema sanitario, ma anche per parlare con maggior insistenza di prevenzione.

Cancro sempre più diffuso tra i giovani: come ridurre il rischio

Come sempre, infatti, gli esperti parlano della necessità di modificare il nostro stile di vita – sia per quanto riguarda le abitudini alimentari quanto per i vizi, lo stress e la mancanza di attività fisica.

Visita medica - Fonte AdobeStock
Visita medica – Fonte AdobeStock

Nonostante i ritmi di vita a cui siamo abituati ci porta molto spesso a sedentarietà e ad una dieta scorretta, è importantissimo ricordare che una dieta equilibrata ed esercizio fisico giocano un ruolo fondamentale nella prevenzione di certe patologie.

Ovviamente anche i fattori ambientali sono decisivi nell’insorgenza di queste patologie, come l’inquinamento ma anche gli ormoni presenti nell’alimentazione. Dove possibile, dunque, è sempre bene controllare cosa si mangia e scegliere di abitare in zone con aria più salubre.

Cancro: quali sono le forme più diffuse

Per quanto riguarda i punti maggiormente colpiti dal cancro in fascia giovanile, si è confermato che per le donne il pericolo maggiore è rappresentato dal tumore al seno, mentre per gli uomini ai testicoli.

Medico e paziente - Fonte AdobeStock
Medico e paziente – Fonte AdobeStock

Purtroppo però sono aumentati anche i casi di neoplasie ai reni, di tipo gastrointestinale ma anche alla tiroide e di varie forme di melanoma (tumore che si origina più genericamente nella cute).

Fortunatamente oggi la capacità diagnostica è notevolmente aumentata e i rischi di morte sono diminuiti. In ogni caso però, ovviamente, gli esperti consigliano di effettuare controlli regolari e, nuovamente, di modificare le proprie abitudini e cercare di ridurre al minimo i fattori di rischio.