Home » Non mescolare l’aceto con il bicarbonato, é una pessima idea!

Non mescolare l’aceto con il bicarbonato, é una pessima idea!

Chi si cimenta quotidianamente con le pulizie di casa avrà sentito pur parlare dell’efficacia pulente di prodotti naturali ed alternativi. L’aceto e il bicarbonato sono senz’altro tra i più gettonati. Ma, attenzione! Gli stessi non si prestano ad un uso combinato. Sebbene l’aspettativa sugli effetti, in termini di pulizia sia alta, non si rivelerà tale.

Sfatiamo dunque un luogo comune quale quello che aceto e bicarbonato, se combinati insieme, come un detergente per pulire, siano molto efficaci. La credenza sbagliata alla quale, in molti casi, ci si affida, è dovuta all’efficacia che ognuno dei due prodotti riveste in termini pulenti. Se li consideriamo singolarmente, infatti, ognuno dei due è un’ottima alternativa ai detergenti chimici, si rivelano molto economici, e possono pulire diversi tipi di superfici.

Mai mischiare aceto e bicarbonato per pulire le superfici: ecco perché – newssalute.it

Detto ciò, è meglio chiarire che, se ognuno di essi costituisce valida alternativa ai prodotti chimici, è proprio il legame chimico fra gli elementi dell’uno e dell’altro che non va bene. E’ comprovato che utilizzare un mix tra aceto e bicarbonato come prodotto per le pulizie, non faciliterà le medesime. Sarà bene quindi assumerne consapevolezza.

Come gli esperimenti chimici hanno dimostrato, la miscela in questione porta alla formazione di CO2, anidride carbonica. Per rendersene conto, si possono prendere le dovute cautele, in termini di protezione della respirazione e fare la prova. Il risultato consisterà in una schiuma carica di bolle. Le bolle sono dovute esattamente alla CO2. Ma a quali effetti porta la medesima miscela, nell’ambito della pulizia di casa?

 

Gli effetti del mix fra aceto e bicarbonato

Cosa fare con i prodotti della reazione fra aceto e bicarbonato? – newssalute.it

La reazione spiegata poc’anzi è dovuta al fatto che il bicarbonato reagisce a contatto con gli acidi. In questo caso la sostanza acida è ovviamente l’aceto. La reazione fa sì che i due composti si neutralizzino a vicenda. Pertanto l’effetto sarà deludente sul piano della pulizia. La reazione dà infatti come prodotto, derivante dal tentativo di neutralizzarsi a vicenda, l’anidride carbonica, che prima dà luogo alle bollicine citate, nella schiuma, e poi se ne vola. E inoltre, dà luogo all’acetato di sodio.

Quest’ultimo è un sale che, oltre ad impregnare i vostri mobili o superfici che cercherete di lavare, non farà altro. Infatti non lava, non sgrassa, non igienizza. Se, ad esempio, il medesimo prodotto della reazione è usato per lavare le posate, la scelta sarà errata, perché non igienizzerà un bel niente. Molto consigliati, al contrario, i due prodotti singolarmente. Gli stessi, senza alcuna funzione neutralizzante (senza la reazione) daranno luogo ad elevata pulizia.