Home » Terrore nelle case italiane, stanno girando tisane dimagranti contenenti erbe vietate, non le bere!

Terrore nelle case italiane, stanno girando tisane dimagranti contenenti erbe vietate, non le bere!

Una notizia allarmante ha iniziato a circolare in questi giorni e riguarda le tisane dimagranti contenenti una pianta che può causare molti problemi. Ecco quali.

Tisana - Fonte Pixabay
Tisana – Fonte Pixabay

Purtroppo quando si tratta di integratori e tisane si entra in un territorio molto pericoloso, perché nessuno dei due (se a base naturale) richiede la prescrizione medica e molto spesso dunque chi li acquista non legge bene né il contenuto né le dosi raccomandate e rischia di eccedere, facendo sì che si scatenino degli effetti collaterali piuttosto significativi.

Di recente infatti l’attenzione dei webnauti è stata attirata da alcuni articoli di approfondimento in cui si parla di alcuni tipi di tisane che contengono una pianta che può essere fortemente dannosa per il proprio organismo.

Tisane dimagranti: qual è la pianta da evitare

In commercio ci sono moltissime tisane con proprietà drenanti o anche lassative, che aiutano anche nella perdita del peso. Occhio però a ciò che si assume e, soprattutto, in che quantità.

Alcuni di questi ritrovati naturali infatti sono a base di senna, nota per le fortissime proprietà lassative. Se però in dosi controllate può essere un valido aiuto, il suo abuso può portare a problemi davvero seri.

Tisane a base di senna: cosa comporta l’abuso

A parlare di questo problema, di recente, una donna francese che aveva acquistato una tisana dimagrante a base di senna ha iniziato ad avvertire forti crampi allo stomaco, che si sono poi evoluti in mal di pancia e diarrea.

Infuso con la senna - Fonte Pixabay
Infuso con la senna – Fonte Pixabay

I principi attivi di questa pianta infatti, i derivati idrossiantracenici, possono essere fortemente irritanti per il sistema gastrointestinale e non è raro dunque manifestare questi effetti collaterali. Un uso a lungo termine, inoltre – come nel caso degli integratori, solitamente venduti in grandi confezioni – può danneggiare il rivestimento interno dell’intestino.

Ricordatevi sempre, quindi, non solo di leggere attentamente il contenuto di ciò che volete acquistare ma anche di chiedere al farmacista o al proprio medico quali sono le dosi indicate e per quanto tempo assumere il ritrovato. Benché, infatti, siano ritrovati naturali a volte possono non essere del tutto innocui e potrebbero portare alle gravi conseguenze appena descritte.