Home » Vaccino antinfluenzale e la quarta dose sono una combo pericolosa?

Vaccino antinfluenzale e la quarta dose sono una combo pericolosa?

Con l’arrivo dell’inverno torna la preoccupazione per i vaccini e in molti cercano di capire se la combo vaccino antinfluenzale e quarta dose è pericolosa. Cosa dicono gli esperti.

Medico somministra il vaccino - Fonte AdobeStock
Medico somministra il vaccino – Fonte AdobeStock

Si torna a parlare del vaccino contro il Covid-19 ma, con l’arrivo dell’inverno, un tema che torna prepotentemente nel dibattito è anche quello che riguarda il vaccino antinfluenzale. Per questo in molti ora si chiedono se è possibile farli insieme o se rappresenta un pericolo per il nostro corpo. Ecco cosa consigliano gli esperti.

Combo vaccino antinfluenzale e quarta dose è pericolosa?

Una premessa è d’obbligo: consultate sempre prima il medico, soprattutto nel caso di patologie particolari. Detto questo, però, tutti gli esperti concordano nel dire che effettuare in tempi ravvicinati il vaccino per il Covid-19 e quello antinfluenzale non rappresenta un pericolo.

Questo è il tema affrontato con forza dalla campagna “Non solo flu: porgi l’altra spalla 3.0” promossa in questi giorni da ben tre società scientifiche – ovvero Società italiana d’igiene, Società italiana di medicina generale e Società italiana malattie infettive e tropicali.

Medico somministra il vaccino ad una ragazza - Fonte AdobeStock
Medico somministra il vaccino ad una ragazza – Fonte AdobeStock

La co-somministrazione, dunque, non solo non è pericolosa ma è anche caldamente consigliata proprio per evitare che, con l’inverno, i soggetti più fragili possano andare incontro a all’influenza o al tanto temuto Covid. Ma quali sono le categorie a cui è consigliato?

Vaccini: chi dovrebbe effettuare la combo

Come per le precedenti dosi di vaccino anti-Covid la comunità scientifica raccomanda soprattutto a tutti gli over 65 di effettuare il quarto richiamo. È inoltre consigliato alle donne in stato interessante, agli immunodepressi, agli ospiti delle RSA e al personale che vi lavora. Il momento migliore, come nel caso dei precedenti richiami, è dopo circa 5 o 6 mesi dall’ultima somministrazione.

Per quanto riguarda invece il vaccino antinfluenzale invece non ci sono particolari indicazioni riguardo l’età (benché la soglia degli over 65 è sempre quella a cui si consiglia caldamente).

Si tratta comunque di una prevenzione per tutte le infezioni e le complicazioni che possono nascere dal prendersi anche la più comune influenza. Il momento migliore, invece, per la sua somministrazione è “il prima possibile”, essendo ormai l’estate solo un ricordo.

Medico somministra il vaccino - Fonte AdobeStock
Medico somministra il vaccino – Fonte AdobeStock

Si può quindi iniziare a contattare il proprio medico per effettuare il vaccino proprio in questi giorni, con gli esperti che raccomandano di non spingersi oltre dicembre (momento in cui si suppone che la circolazione dell’influenza sia al suo massimo.